Lavorare nei parchi di divertimento in Italia

Versione stampabileSend by email
Aggiornamento: 
Gennaio 2016

 

Premessa

In Italia ci sono parchi di divertimento che durante l’estate cercano personale di varie qualifiche. Le strutture più grandi, oltre alle attrazioni, offrono una serie di servizi ricettivi con l’obiettivo di trattenere il pubblico più a lungo possibile (ad esempio Gardaland) mentre i parchi più piccoli hanno esigenze di personale limitate alla gestione diretta delle attrazioni.

Ogni anno queste strutture danno lavoro a molti giovani, con contratti stagionali, solitamente nel periodo da aprile/maggio a settembre/ottobre. Requisito fondamentale per lavorare in questo settore è la conoscenza almeno di base delle lingue.

Qualifiche e mansioni

Possiamo distinguere 4 livelli di profili:
1. L'operatore generico (mansioni prevalentemente manuali)
2. L'addetto (attività di animazione e accoglienza)
3. Lo specialista (mansioni di coordinamento e d'informazione per gli altri lavoratori)
4. L'esperto (in materia di animazione e accoglienza)

Le mansioni principali riguardano: 

  • Assistenza agli utenti
  • Informazioni ai visitatori
  • Archivisti in ufficio
  • Centralinisti
  • Accompagnatori
  • Cassiere/i all'entrata del parco
  • Cucina e servizio nelle strutture di ristorazione
  • Commesse/i nei negozi del parco
  • Ballerini, cantanti e musicisti per gli show
  • Animatori per l'intrattenimento
  • Giardinieri e manutentori
  • Addetti alle pulizie
  • Addetti alla manutenzione
  • Sorveglianza nei parchi-gioco
  • Personale addetto al pronto soccorso
  • Aiutanti in lavanderia
  • Assistenti bagnanti
  • Receptionist
  • Fotografi

Si cercano anche figure professionali specializzate come falegname, musicista e biologo marino.Per molte mansioni non è richiesta una particolare formazione o esperienza, anche se solitamente viene preferito chi ha già svolto attività simili.

Condizioni di lavoro

I contratti sono temporanei e/o stagionali. Il periodo va di solito da aprile/maggio a settembre/ottobre. Lo stipendio varia secondo le qualifiche. Generalmente si può dire che permette di vivere tranquillamente sul posto senza però ritornare a casa con grandi risparmi.
Il lavoro è molto impegnativo, sia come orario che come turni (giorni festivi). Per lavorare è necessario aver compiuto almeno 18 anni.

Come candidarsi

Per tutti i parchi divertimento occorre inviare la domanda, presso gli uffici del personale, con allegato un curriculum vitae. Spesso la candidatura avviene online, sul sito internet alla voce “lavora con noi”.

E’ bene segnalare la conoscenza di una o più lingue straniere, il possesso della patente di guida, eventuali brevetti di soccorritore, assistente bagnante o qualifiche professionali come quella di animatore, attività sportive praticate e eventuali altri hobby.

Elenco parchi in Italia

Si precisa che gli elenchi e i contatti di agenzie o imprese indicate nella scheda, in mancanza di strumenti per poterne valutare la serietà, sono realizzati con lo scopo di facilitare i giovani nella ricerca e non possono essere considerati una garanzia di affidabilità da parte della redazione.

Per approfondire

Altre informazioni utili sul lavoro nei parchi sono reperibili su:

Attenzione: si raccomanda di non inviare la candidatura a questi siti informativi, in quanto non collegati direttamente ai parchi.

Potrebbe anche interessarti

La nostra Scheda Orientativa “Lavorare nei parchi di divertimento in Europa