Documenti personali

Versione stampabileSend by email
Aggiornamento: 
Marzo 2016

Introduzione

Oltre alla carta d'identità esistono anche altri documenti di riconoscimento che possono essere utilizzati per farsi identificare, come il passaporto, la patente di guida e, per i cittadini stranieri, il permesso di soggiorno.

Documenti di riconoscimento

Carta d’identità

RICHIESTA: occorre presentarsi all'Anagrafe del comune di residenza con tre fotografie uguali e recenti, a mezzo busto, con la testa scoperta (senza berretti, cappelli, foulard e simili), anche a colori, con un documento d’identificazione o, in mancanza di questo, la presenza di due testimoni maggiorenni, muniti di documento d'identità valido. In caso di richiesta di carta valida per l'espatrio i testimoni non devono avere legami di parentela con il richiedente.
I minori devono essere accompagnati dai genitori, muniti di un proprio documento di riconoscimento. Sono necessarie le tre fotografie, come per gli adulti.

VALIDITA’ PER L’ESPATRIO: la carta d’identità è titolo valido per l'espatrio negli Stati membri dell’Unione Europea: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Per altri paesi valgono particolari accordi internazionali: Bosnia, Croazia, Egitto (oltre alla carta d'identità occorre un modulo predisposto dalle autorità egiziane, in distribuzione sull'aereo o all'aeroporto), Islanda, Liechtenstein, Macedonia (oltre alla carta d’identità occorre un tesserino rilasciato alla frontiera), Marocco (solo per viaggi organizzati), Monaco, Norvegia, Serbia e Montenegro, Svizzera, Tunisia e Turchia (solo per viaggi organizzati).

I maggiorenni devono dichiarare di non avere impedimenti all'espatrio. Per i minorenni la richiesta deve essere firmata da entrambi i genitori o da chi esercita la potestà. Se uno dei due genitori si rifiuta si può richiedere l’autorizzazione del giudice tutelare.

I cittadini stranieri residenti devono presentarsi all’Anagrafe con il permesso di soggiorno non scaduto, le tre fotografie uguali e recenti e il passaporto. In questo caso la carta d’identità sarà sempre “non valida per l’espatrio”.

RINNOVO E DUPLICATO: la carta d'identità per i maggiorenni ha validità di 10 anni e il rinnovo è possibile 180 giorni prima della scadenza. E’ necessario presentarsi con tre fotografie e il documento scaduto o in scadenza.
Per i minori di età inferiore a 3 anni la carta d’identità ha una validità di 3 anni. Per i minori da 3 a 18 anni la carta d’identità ha una validità di 5 anni.

In caso di smarrimento o furto, viene rilasciato un duplicato presentandosi con le tre fotografie, un altro documento di riconoscimento e la denuncia in duplice copia (una in originale, l’altra in fotocopia) fatta alla Polizia o ai Carabinieri.

Carta d'Identità Elettronica

Dal 2006 presso alcuni comuni è possibile richiedere la Carta d'Identità Elettronica - CIE.
Si tratta di una carta dotata sia di bande a memoria ottica sia di un microchip. Per questo documento la fotografia viene realizzata direttamente allo sportello anagrafico in formato digitale.
Per la Città di Torino è necessario prenotare (con adeguato anticipo) l'accesso all'Anagrafe sul portale TorinoFacile su https://servizi.torinofacile.it/servizi/sportellofacile/cie.shtml

Lasciapassare per l'espatrio di minori di 15 anni

Anche per i minori è possibile il rilascio della carta d'identità, con validità per l'espatrio. In alternativa è possibile richiedere un lasciapassare per minori di 15 anni.
Le informazioni sulle modalità di presentazione della richiesta sono reperibili su www.poliziadistato.it/articolo/1083/

Si tratta di un certificato di nascita e cittadinanza italiana con fotografia legalizzata, rilasciato dal comune di residenza del minore e valido per 1 anno. L’autorizzazione all’espatrio sarà riportata sul retro del documento.
Per ottenere la validità all'espatrio è necessaria la firma contestuale di entrambi i genitori o del tutore. In caso di impossibilità di un genitore a recarsi presso lo sportello, è possibile presentare la richiesta firmando sul modello per i minorenni (in distribuzione presso gli uffici anagrafe) e allegando la fotocopia del documento di identità oppure dichiarando l'assenso all’espatrio del minore su foglio a parte, sempre allegando la fotocopia del documento di riconoscimento.

RICHIESTA: i genitori o tutori, muniti di documento di riconoscimento e fotografie del minore, devono presentarsi all'ufficio Anagrafe di residenza insieme al minore. Occorre poi rivolgersi al Commissariato di competenza territoriale per dare il consenso all’espatrio.

Di norma il documento è valido esclusivamente per i paesi in cui si può espatriare con la carta d'identità. Per maggiori e più dettagliate informazioni è possibile consultare il sito che il Ministero degli Affari Esteri ha curato in collaborazione con l'ACI, Automobile Club d’Italia: www.viaggiaresicuri.mae.aci.it

Tessera Sanitaria/Codice Fiscale

La Tessera Sanitaria viene rilasciata ai cittadini che hanno diritto alle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale. Contiene anche il Codice Fiscale. La tessera è necessaria per accedere alle prestazioni: ottenere farmaci, esami clinici e cure sanitarie. Vale sull’intero territorio nazionale e consente di accedere ai servizi sanitari anche dei paesi europei. Ha una validità di 6 anni. Viene inviata dall’Agenzia delle Entrate, cui è necessario rivolgersi per richiederne il duplicato in caso di furto o smarrimento

Per ulteriori informazioni consultare il portale sul Progetto Tessera Sanitaria oppure telefonare al numero verde 800030070

Il Codice Fiscale è lo strumento di identificazione del cittadino nei rapporti con gli enti e le amministrazioni pubbliche ed è indispensabile per molti atti di natura amministrativa e fiscale (dichiarazione dei redditi, registrazione atti, richiesta licenze e concessioni). E’ un numero individuale che identifica i soggetti d’imposta ed è attribuito dall’Agenzia delle Entrate con l’invio di una tessera magnetica. Il codice fiscale è indispensabile anche per gli stranieri residenti in Italia, sia per i lavoratori autonomi sia per quelli dipendenti.

Il numero del codice fiscale è riportato sulla Tessera Sanitaria.

RICHIESTA E DUPLICATO: nel caso in cui il codice fiscale non sia ancora stato attribuito, occorre richiederlo all’Agenzia delle Entrate

Scheda Professionale del lavoratore

La Scheda Professionale del lavoratore (che ha sostituito il libretto di lavoro) viene rilasciato agli iscritti del Centro per l'Impiego e riporta le esperienze professionali/lavorative e i periodi di disoccupazione, certificando le competenze professionali.

Passaporto

Il passaporto è il documento che permette l’ingresso in tutti i paesi stranieri riconosciuti dalla Repubblica italiana. Può essere richiesto da tutti i cittadini, senza limiti di età, tranne da chi si trova in particolari condizioni previste dalla legge (per vari motivi in genere penali).

RICHIESTA: la domanda di rilascio del passaporto va compilata su un apposito modulo, presente anche sul sito della Polizia di Stato su www.poliziadistato.it/articolo/1087/
e va consegnata nel luogo di residenza presso l’ufficio passaporti della Questura o del Commissariato di Polizia oppure, se questi uffici non sono presenti, presso la stazione dei Carabinieri o il Comune. Sul sito www.passaportonline.poliziadistato.it è attivo il servizio di richiesta online.

Il passaporto prevede foto e firma digitalizzate con impronte digitali.
La documentazione occorrente per richiederlo è la seguente:

  • due fotografie formato tessera identiche e recenti;
  • documento di riconoscimento valido;
  • contrassegno telematico (ex marca da bollo) uso passaporto, € 73,50 (solo per la prima emissione);
  • ricevuta di pagamento di € 42,50 su conto corrente postale n. 67422808 intestato a: Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento del Tesoro, con causale: “importo per il rilascio del passaporto elettronico”.

E' possibile richiedere l'invio del passaporto al proprio domicilio (al costo di € 8,20).

Alla scadenza decennale il passaporto non si rinnova e occorre richiedere un nuovo passaporto.

DUPLICATO: in caso di smarrimento o furto, bisogna produrre tutta la documentazione come per il normale rilascio, oltre alla denuncia in originale fatta all’autorità di pubblica sicurezza (Carabinieri o Polizia).

Passaporto collettivo

Il passaporto collettivo può essere rilasciato per un solo viaggio a gruppi, formati da minimo 5 fino al massimo di 50 persone della stessa nazionalità, che viaggiano insieme con la stessa finalità (motivi culturali, religiosi, sportivi, turistici). Non possono essere iscritti coloro che per motivi legali non sono nelle condizioni di ottenere il passaporto ordinario. Il passaporto è valido per 4 mesi dalla data di rilascio.
Per maggiori informazioni: www.poliziadistato.it/articolo/1084-Passaporto_collettivo/

Patenti

Patente di guida

La patente di guida è il documento che consente la guida di veicoli a motore e può essere esibita come documento di riconoscimento. Si consegue superando un esame teorico e una prova pratica cui si può accedere come privatista, iscrivendosi direttamente presso l’Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile, oppure iscrivendosi a una scuola guida che si occuperà sia della preparazione all’esame sia della predisposizione di tutti i documenti e delle pratiche burocratiche necessarie, con costi variabili da scuola a scuola.
Il Codice della Strada con le regole da imparare si può scaricare dal sito www.aci.it/i-servizi/normative/codice-della-strada.html

RICHIESTA: è necessario rivolgersi agli Uffici Provinciali della Motorizzazione Civile. Indirizzi e orari sono reperibili su www.ilportaledellautomobilista.it 

La modulistica e i documenti necessari sono reperibili su www.dgtnordovest.it

ESERCITAZIONI ALLA GUIDA: Il veicolo dovrà essere munito di un apposito contrassegno recante le lettere alfabetiche "GA". Viene rilasciato un modello meccanizzato di autorizzazione per esercitarsi alla guida, che riporta le informazioni sulla persona che si cimenterà nella guida automobilistica. Viene rilasciato dal giorno successivo alla data di superamento dell’esame di teoria, ha una validità di 6 mesi, ma solo sui veicoli per cui è stata richiesta la patente di guida e purché sieda a fianco del guidatore una persona patentata, con specifici requisiti: età non superiore a 65 anni, patente della stessa categoria conseguita da almeno 10 anni o patente valida per la categoria superiore. Dal maggio 2012 è obbligatorio effettuare almeno sei ore di esercitazioni di guida in autostrade e/o strade extraurbane e in condizioni di visione notturna, con istruttore abilitato ed autorizzato. Al  candidato è consegnato un libretto nel quale l'istruttore apporrà la propria firma al termine di ogni lezione. Questo libretto, assieme al certificato di frequenza, dovrà essere consegnato il giorno dell'esame di pratica.

ESAME: la prova di teoria può essere sostenuta subito, mentre per l'esame di pratica deve essere trascorso un mese e un giorno dalla data di presentazione della domanda. In caso di esito positivo la patente è consegnata immediatamente. L’esame consiste in una prova di teoria (40 domande a risposta singola vero/falso; sono ammessi al massimo 4 errori) e in una prova pratica di guida.

LIMITAZIONI PER I NEOPATENTATI: 

Patente A: nessuna limitazione per patente conseguita con prova pratica effettuata con moto di potenza maggiore o uguale a 35 Kw (120 cc di cilindrata), ma non meno di 11 kw.

Per patente conseguita con prova pratica effettuata con moto di potenza inferiore o uguale a 25 Kw, 120 cc di cilindrata: per i primi 2 anni dal conseguimento non è consentito condurre motocicli di potenza superiore a 25 Kw.

Per i primi 3 anni dal conseguimento della patente di categoria B non è consentito il superamento della velocità di 100 km/h per le autostrade e di 90 km/h per le strade extraurbane principali. Inoltre, per il primo anno, non è consentita la guida di autoveicoli con potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kilowatt per tonnellata e comunque non superiore a 70 kw.

E' disponibile un motore di ricerca online per verificare la possibilità di guida di un'automobile, a partire dal numero di targa, sul sito www.ilportaledellautomobilista.it/web/portale-automobilista/patenti_neopatentati

PATENTE A PUNTI: 

Al momento del rilascio della patente viene attribuito un punteggio di 20 punti. E' previsto un sistema di aumento dei punti in assenza di infrazione e di riduzione dei punti per le infrazioni commesse. Si aggiungo 2 punti in assenza di infrazioni per almeno 2 anni, fino al punteggio massimo di 30 punti. Inoltre per i patentati da meno di 3 anni, per ogni anno senza violazioni si aggiunge 1 punto, fino a un massimo di 3 punti.

 

Riacquisto dei punti decurtati: è previsto il riacquisto automatico dei punti se nei 2 anni successivi non si fanno altre infrazioni. E possibile anche con la frequenza di corsi di aggiornamento. Nel caso in cui venga perso tutto il punteggio il conducente deve sottoporsi a esame di revisione entro 30 giorni dalla notifica; in caso contrario è prevista la sospensione temporanea della patente.
Il controllo dei punti sulla propria patente è possibile telefonicamente al n. 848 782 782 (solo da numeri fissi al costo di una chiamata urbana) oppure registrandosi sul Portale dell'Automobilista

Altre informazioni utili sono reperibili su www.poliziadistato.it/articolo/539-Patente_come_si_controlla_il_saldo_punti/

Patenti speciali per disabili

Per i disabili, che desiderano guidare un mezzo di trasporto proprio, è prevista una patente speciale che prescrive l’obbligo di dotarsi di strumenti personali o di modificare l’autoveicolo, in modo da consentire una guida sicura. La patente B speciale è valida per tutti i tipi di autovetture, la patente C speciale per gli autocarri.

Innanzitutto è necessario sottoporsi alla visita medica della Commissione Provinciale per accertare l'idoneità al conseguimento della patente. Ottenuto il certificato di idoneità, valido 90 giorni, occorre recarsi all'Ispettorato della Motorizzazione Civile (oppure a un'autoscuola, alla quale si delega la pratica), che rilascerà l'eventuale elenco delle modifiche da apportare all'autoveicolo e l'autorizzazione a esercitarsi alla guida secondo le modalità già indicate per la patente B.

Si potranno quindi sostenere gli esami teorico-pratici previsti dalla legge (le prove pratiche prevedono l'utilizzo di auto adattate). Chi era già in possesso di una patente di guida normale non deve invece sostenere l’esame: potrà condurre qualsiasi mezzo purché sia provvisto degli adattamenti indicati nel certificato di idoneità rilasciato dalla Commissione. L’auto infatti deve essere modificata secondo le esigenze del portatore di handicap (alcuni di questi interventi possono essere rimborsati) e sarà sottoposta a collaudo.

Per maggiori informazioni consulta le pagine dedicate sulla testata giornalistica Disabili.com www.disabili.com/mobilita-auto/speciali-mobilita-a-auto/guida-alla-guida.

Permesso internazionale di guida

Per i cittadini italiani è possibile utilizzare la propria patente di guida negli stati membri dell’Unione Europea. In altri paesi occorre invece il permesso internazionale di guida.
Esistono due distinti modelli di patente internazionale: il modello "Convenzione di Ginevra 1949", che ha validità di 1 anno, e il modello "Convenzione di Vienna 1968", che ha validità di 3 anni, ma sempre nei limiti di validità della patente italiana posseduta. Alcuni paesi accettano entrambi i modelli, altri solo uno dei due. In Italia è possibile ottenere sia l'uno sia l'altro modello di permesso internazionale di guida. Per conoscere con esattezza il tipo di documento di guida richiesto è sempre consigliabile contattare, prima di intraprendere un viaggio all’estero, le autorità consolari del paese che si intende visitare.

RICHIESTA: è necessario rivolgersi agli Uffici Provinciali della Motorizzazione Civile. Indirizzi e orari sono reperibili su www.ilportaledellautomobilista.it
Per la richiesta servono una serie di documenti che sono reperibili su www.dgtnordovest.it

Guida di ciclomotore e motocicli (Patente AM e A1)

Anche se si è raggiunta la maggiore età, se non si è in possesso di patente di guida non è consentito guidare ciclomotori. Dai 14 anni è possibile conseguire la Patente AM, per guidare ciclomotori fino ai 50 cc; dai 16 anni si può richiedere la Patente A1 per guidare motocicli di cilindrata non superiore ai 125 cc.
E' necessario superare un esame pratico e uno teorico.
Per le esercitazioni alla guida dei ciclomotori esistono corsi teorici sulla sicurezza stradale; possono essere organizzati dalle autoscuole o  scuole di istruzione secondaria per i loro allievi. Al termine del corso viene rilasciato un attestato di frequenza indispensabile per la presentazione della domanda d’esame e il conseguimento del Certificato.

Per maggiori informazioni sulle patenti di guida si consiglia di consultare le pagine dedicate sul sito dell'ACI www.aci.it/i-servizi/guide-utili/come-conseguire-la-patente-di-guida.htm

 

Informazioni locali

  • TORINOè - GUIDA PRATICA DEL CITTADINO: informazioni su servizi comunali, certificati e documenti. La guida è composta da 20 sezioni tematiche che contengono schede analitiche dei vari servizi. Ciascuna scheda, oltre a una breve descrizione del servizio, riporta l'indicazione di come ottenerlo, dove rivolgersi e quando.
    www.comune.torino.it/servizionline/schede/userTorinoE.php?context=torinoE&submitAction=homeIndice
  • TORINO FACILE - CARTA “TORINO FACILISSIMA” - numero verde 800450900 attivo da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 17.30.
    Permette ai cittadini residenti a Torino la possibilità di accedere direttamente a numerosi servizi online.
    Servizi anagrafici, tributari, bibliotecari, edilizia, permessi, posta elettronica, ecc.
    E' necessario registrarsi sul portale
    www.torinofacile.it - Email: info@torinofacile.it