Agricoltore

Versione stampabileSend by email
Aggiornamento: 
Febbraio 2016
Ultima modifica: 
Febbraio 2016
Figura professionale che gestisce un’azienda agricola e/o svolge attività agricole.

Profilo professionale

È agricoltore chi gestisce un’azienda agricola e/o svolge attività agricole o connesse.

E' Coltivatore diretto (piccolo imprenditore) chi si occupa personalmente e con continuità della coltivazione e dell’allevamento degli animali e ricava il suo sostentamento dal proprio lavoro (art. 2083 Codice Civile)[1].

È imprenditore agricolo, secondo quanto stabilito dall'art. 2135 del Codice Civile (vedi nota [1] ), chi esercita le seguenti attività: coltivazione del fondo; silvicoltura; allevamento; attività connesse a una delle precedenti.

È imprenditore agricolo professionale, ai sensi dell’art. 1 del D.Lgs. 99/2004[2], chi dedica, direttamente o in qualità di socio di società, almeno il cinquanta per cento del proprio tempo di lavoro complessivo e che ricava dalle attività medesime almeno il cinquanta per cento del proprio reddito globale da lavoro.

Caratteristiche proprie dell’attività agricola sono la varietà dei lavori possibili e l’elevato livello di integrazione tra funzioni produttive, gestionali e di servizio.
Negli ultimi anni poi, in conseguenza di una maggiore attenzione per l’ambiente, anche in questo ambito si stanno affermando nuove figure professionali legate, ad esempio, all’industria di prima trasformazione, all’agriturismo, alla produzione biologica. Per il profilo professionale dell’imprenditore agrituristico consulta la scheda orientativa Imprenditore agrituristico.

L’agricoltore specializzato in coltivazione biologica sceglie di produrre rispettando l’ambiente, valorizzando le risorse, sfruttando la naturale fertilità del suolo senza l’impiego di fertilizzanti, pesticidi e farmaci a uso veterinario derivanti da sintesi chimica e senza organismi geneticamente modificati (i cosiddetti OGM).
Lavorare in agricoltura rispettando l’ambiente vuol dire produrre con tecnologie pulite.
A questo proposito dal 1° gennaio 2009 è entrato in vigore il regolamento comunitario[3], che prevede un nuovo contesto normativo per i prodotti biologici. Chi intende specializzarsi nella pratica di questo particolare tipo di agricoltura conduce solitamente un’azienda agricola autosufficiente; pratica la rotazione delle colture; utilizza letame decomposto per la concimazione; alleva animali appartenenti a razze locali, liberi di pascolare all’aria aperta.

L'attenzione nei confronti dell'Agricoltura sociale sta determinando nelle aree rurali nuove opportunità per l'agricoltura e per il territorio, diversificando e promuovendo attività economiche che coniugano l'inclusione sociale e lo sviluppo del settore agricolo. Ulteriori appprofondimenti alla scheda orientativa Agricoltura sociale

Formazione

Alcune regioni promuovono corsi, della durata da uno a tre anni, a cui si accede già dopo la scuola secondaria di primo grado e che consentono l’acquisizione di una qualifica professionale. Per avere informazioni sull’attivazione di questi corsi ci si può rivolgere agli enti di formazione professionale provinciali o regionali. Tra i centri di formazione professionale si segnala:

Per una formazione a livello di scuola secondaria di secondo grado, la riforma dell’istruzione[4], a opera del Ministro Gelmini, prevede la possibilità di iscriversi a un Istituto Professionale - Settore Servizi - Indirizzo Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale. In alternativa è possibile scegliere l’Istituto Tecnico - Settore Tecnologico - Indirizzo Agraria e Agroindustria. Il percorso scolastico si articola in due bienni e un quinto anno finale, che termina con l’esame di Stato.
Maggiori informazioni sulla riforma della scuola secondaria di secondo grado sono reperibili sul sito curato da MIUR e Agenzia Scuola http://archivio.pubblica.istruzione.it/riforma_superiori/nuovesuperiori/index.html.
Per contattare direttamente le scuole della propria zona e ottenere informazioni più dettagliate sulle eventuali sperimentazioni avviate, si può consultare il link Cerca scuola creato dal Ministero http://cercalatuascuola.istruzione.it/cercalatuascuola.

Per quanto riguarda la formazione universitaria, l’offerta formativa è piuttosto varia e le denominazioni dei corsi di laurea sono attribuite direttamente dalle università, per cui risulta difficile elencare tutti i corsi attivati dalle varie facoltà. È consigliabile, quindi, rivolgersi direttamente alle segreterie delle università per ottenere informazioni specifiche o visitare il sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca www.miur.it.
Si segnalano a titolo indicativo alcune classi di laurea di primo livello:

  • L18 - Scienze dell'economia e della gestione aziendale;
  • L25 - Scienze e tecnologie agrarie e forestali;
  • L26 - Scienze e tecnologie agro-alimentari;
  • L38 - Scienze zootecniche e tecnologie delle produzioni animali.

Accesso alla professione

Rivolgendosi alle associazioni di categoria è possibile avere informazioni, orientamento e consulenza per il lavoro autonomo, in particolare per donne titolari d'imprese agricole e giovani che vogliono avviare nuove attività in ambito agricolo-rurale.
Per esercitare l'attività di agricoltore in forma imprenditoriale è necessario iscriversi all'ufficio Registro Imprese RI - sezione speciale e al REA - Registro Imprese e Artigianato, presso le locali Camere di Commercio[5]. Dal 1° aprile 2010, le comunicazioni di avvio dell’impresa vanno presentate unicamente per via telematica o su supporto informatico all’ufficio del Registro delle Imprese.

[1] Codice Civile, Libro Quinto “Del lavoro”, Titolo II “Del lavoro nell’impresa”: articolo 2083 “Piccoli imprenditori” e articolo 2135 “Imprenditore agricolo”.
[2] Decreto Legislativo 29 marzo 2004, n. 99 e successive modifiche "Disposizioni in materia di soggetti e attività, integrità aziendale e semplificazione amministrativa in agricoltura, a norma dell'articolo 1, comma 2, lettere d), f), g), l), ee), della legge 7 marzo 2003, n. 38", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 94 del 22/04/2004.
[3] Regolamento 834/CEE del Consiglio del 28 giugno 2007, relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici e che abroga il Regolamento (CEE) 2092/91, pubblicato nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 20/07/2007 - N. L. 189.
[4] La riforma è stata attuata a partire dall’anno scolastico 2010/2011.
[5] Per ulteriori informazioni consultare il portale delle Camere di Commercio d’Italia all’indirizzo www.cameradicommercio.it.

Riferimenti utili

Di seguito riportiamo gli indirizzi delle principali associazioni di categoria e di settore a cui rivolgersi per maggiori informazioni sulla professione di agricoltore.

  • AIAB - Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica - sede federale: largo Dino Frisullo SNC c/o Città dell'Altra Economia palazzina M1
    00153 Roma - tel. 0645437485 cellulare segreteria 3939131841
    www.aiab.it - Email: segreteria@aiab.it - AIAB Piemonte - via Brindisi 15 - 10152 Torino - Email: piemonte@aiab.it
  • ANGA - Associazione Nazionale Giovani Agricoltori - corso Vittorio Emanuele II 101 - 00186 Roma - tel. 066852379
    www.confagricoltura.it - Email: anga@confagricoltura.it
  • CIA - Confederazione Italiana Agricoltori - via Mariano Fortuny 20 - 00196 Roma - tel. 06326871
    www.cia.it - Email: organizzazione@cia.it - direttorenazionale@cia.it
  • COLDIRETTI - Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti - via XXIV Maggio 43 - 00187 Roma - tel. 0646821
    www.coldiretti.it - Email: relazioniesterne@coldiretti.it
  • CONFAGRICOLTURA - Confederazione Generale dell’Agricoltura Italiana - corso Vittorio Emanuele II 101 - 00186 Roma - tel. 0668521
    www.confagricoltura.it - Email: info@confagricoltura.it
  • ICEA - ISTITUTO PER LA CERTIFICAZIONE ETICA E AMBIENTALE - via Nazario Brugnoli 15 - 40122 Bologna - tel. 051272986
    www.icea.info - Email: icea@icea.info
  • UCI - UNIONE COLTIVATORI ITALIANI - via in Lucina 10 - 00186 Roma - tel. 066871043
    www.uci.it - Email: segreteria@uci.it
  • Agricoltura italiana on-line - Agronotizie : rivista telematica del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali: www.aiol.it
  • www.mondoagricolo.info - Mondo agricolo: rivista periodica di Confagricoltura.
  • www.ermesagricoltura.it - portale dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Emilia Romagna, che contiene gli aggiornamenti legislativi in materia di agricoltura, una sezione dedicata alla professione dell’agricoltore, link a riviste, enti e istituti di formazione, informazioni su contributi e finanziamenti per le imprese agricole.

Informazioni locali