Guida turistica

Versione stampabileSend by email
Aggiornamento: 
Febbraio 2016
Figura professionale che accompagna persone singole e gruppi nella visita a luoghi di interesse storico-artistico.

 

Profilo professionale

La guida turistica è un professionista che accompagna persone singole o gruppi nelle visite a opere d’arte, musei, gallerie, scavi archeologici, illustrando le attrattive storiche, artistiche, monumentali, paesaggistiche e naturali.
L’abilitazione alla professione di guida turistica è valida su tutto il territorio nazionale, fatti salvi i siti di particolare interesse storico, artistico o archeologico, per i quali occorre specifica abilitazione. La normativa è prevista dalla legge 97/2013.
La guida turistica, oltre a monumenti e musei, può essere chiamata a illustrare attività culturali, folcloristiche, di spettacolo e altre manifestazioni collegate al tempo libero.

Formazione

Per diventare guida turistica, non è necessario possedere un titolo di studio specifico. Tuttavia la formazione può iniziare già a livello di scuola secondaria di secondo grado, con la frequenza a un Istituto Tecnico - Settore economico - Indirizzo turismo.
Per maggiori informazioni e approfondimenti su questo indirizzo scolastico: www.orientamentoistruzione.it/index.php?s=86
Dopo aver conseguito il diploma, bisogna frequentare un corso di qualificazione, che consente di ottenere l'abilitazione professionale necessaria a svolgere questa professione.
Per essere ammessi ai corsi, i candidati devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Almeno 18 anni di età
  • Diploma di maturità valido per l'accesso a tutte le facoltà universitarie
  • Buona conoscenza parlata e scritta di almeno una lingua straniera a scelta tra inglese, francese, spagnolo, tedesco, russo oltre ad eventuali altre lingue estere
  • Per i cittadini stranieri è richiesta una buona conoscenza della lingua italiana parlata e scritta, ai fini della validità del titolo di studio occorre un'attestazione di equivalenza scritta in lingua italiana, rilasciata dall'ambasciata del Paese in cui è stato conseguito il titolo

Per l'ammissione al corso è prevista una prova di selezione attitudinale.

Accesso alla professione

La Regione Piemonte disciplina le attivita' professionali di servizio al turista con la legge 33/2001.
Per esercitare la professione è necessario essere in possesso dell'abilitazione professionale, che si consegue mediante la frequenza di appositi corsi di qualificazione e il superamento di una prova finale di accertamento.

I soggetti titolari di laurea in lettere con indirizzo in storia dell'arte o in archeologia o titolo equipollente sono abilitati all'esercizio dell'attività di guida turistica, salva la previa verifica delle conoscenze linguistiche e del territorio di riferimento. I soggetti titolari di laurea o diploma universitario in materia turistica o titolo equipollente sono abilitati all'esercizio dell'attività di accompagnatore turistico, previa verifica delle conoscenze specifiche quando non siano state oggetto del corso di studi.

La Commissione provinciale effettua una verifica su:

  • conversazione in una o più lingue straniere a scelta del candidato;
  • conoscenza della materia “Il territorio e le sue risorse”

Coloro che hanno conseguito l'abilitazione professionale  posso chiedere di essere iscritti in appositi elenchi delle Città Metropolitane. Quella di Torino è consultabile su www.cittametropolitana.torino.it/turismo/guide/index.shtml

La cancellazione dagli elenchi e' disposta per la perdita dei requisiti soggettivi o a richiesta dell'interessato, ovvero per la mancata frequenza dei corsi di aggiornamento obbligatori. Le guide turistiche iscritte negli elenchi possono operare sul territorio regionale quando accompagnano un gruppo di turisti nell'ambito di un itinerario organizzato che abbia inizio e termine nel territorio della Città Metropolitana.

Riferimenti utili

Per i corsi di formazione e aggiornamento e le modalità di partecipazione, rivolgersi alla Città Metropolitana in cui si intende esercitare la professione (Uffici Turismo o Formazione professionale).
Per gli elenchi delle guide abilitate e tutte le altre informazioni (crediti formativi, riconoscimento titoli, ammissione diretta agli esami/colloqui, ecc.), rivolgersi agli Uffici Turismo delle Città Metropolitane.

Riportiamo di seguito gli indirizzi delle principali associazioni di categoria e sindacali, operanti sul territorio nazionale, a cui è possibile rivolgersi per avere informazioni più dettagliate sulla professione di guida turistica e sulla normativa vigente in materia.

Informazioni locali

Riportiamo di seguito un elenco di riferimenti utili a Torino e provincia per chi voglia intraprendere la professione di guida turistica

Normativa di riferimento in Piemonte:

  • Legge Regionale 26 novembre 2001, n. 33 “Disciplina delle professioni turistiche e modifiche della legge regionale 23 novembre 1992, n. 50 Ordinamento della professione di maestro di sci e della legge regionale 29 settembre 1994, n. 41 Ordinamento della professione di guida alpina”, pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 49 del 05/12/2001. – modificata con legge regionale n. 38 del 30 dicembre 2009: “Disposizioni di attuazione della direttiva 2006/123/CE del Parlamento europeo del Consiglio relativa ai servizi del mercato Interno” http://arianna.consiglioregionale.piemonte.it/base/coord/c2001033.html
  • Deliberazione della Giunta Regionale Piemonte 22 giugno 2009, n. 27-11643 “Disposizioni per l’attuazione della legge regionale 26 novembre 2001 n. 33, art. 2 comma 5. Individuazione della figura di accompagnatore cicloturistico e modifiche ai provvedimenti relativi alle professioni di guida turistica, accompagnatore turistico, accompagnatore di turismo equestre e accompagnatore naturalistico o guida escursionistica ambientale”, pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 25 del 25/06/2009. www.regione.piemonte.it/governo/bollettino/abbonati/2009/25/siste/00000150.htm